Da un pò ho scoperto un nuovo modo di dipingere quadri, cioè attraverso una tecnica artistica che crea dei movimenti di colore sulla tela e delle “celle”; i quadri che ne scaturiscono sono degli astratti con grandi effetti speciali, e vi si possono scorgere effetti marmorizzati, schiume di mare, immagini al microscopio.

Questa tecnica si chiama “acrylic pouring”, e si declina in sottotecniche, come l’acrylic cup pouring, o il dirty pouring. In generale, si preparano dei colori acrilici molto fluidi con dei medium, e si versano insieme su una tela, e lì appare la magia! il colore si spande e dà vita a movimenti ed intrecci, a celle e rigature.

Vi sono vari metodi per creare gli acrilici fluidi, sono tutti molto semplici, bisogna mescolare degli ingredienti, ma la bravura sta nel dosarli al meglio per creare un colore fluido ma coprente.

In internet ho guardato tonnellate di video e appuntato varie ricette, io ho scelto di perfezionarmi con la seguente ricetta: 1 parte di colore acrilico, 1 parte di liquitex pouring medium, acqua quanto basta per raggiungere il livello di fluidificazione desiderato, alcune gocce di silicone.

Non si può quantificare la quantità di acqua con esattezza, in quanto ogni impasto ha bisogno di più o meno acqua, e questo vale anche per colori della stessa marca. La maestria sta nel non usare troppa acqua, altrimenti si rischia di liquefare troppo il colore e renderlo così trasparente.

Io uso questi prodotti:

Uso il gesso come primer per la tela. Cerco di ottenere una tela più liscia possibile. Il pouring medium è della Liquitex, un prodotto semplicemente ottimo, ma sappiate che si può sostituire con vari altri prodotti! Per esempio, col Floetrol, un additivo che si trova (o si dovrebbe) trovare nei negozi di edilizia perchè serve a fluidificare la pittura acrilica per superfici come muri. Io non l’ho trovato 🙁

Altri non usano per niente un medium, e ho trovato molto interessante dei post in cui hanno creato degli esempi per far vedere la differenza di risultato con i vari tipi di ricette. Una cosa è importante: senza medium, la tela rischia di riempirsi di crepe!

Questa è una piccola tela 20x20cm. Non sentendomi ancora sicura, e non sapendo bene ancora come maneggiare grandi superfici con liquidi che colano a destra e sinistra, questa misura mi permette di fare tanti esperimenti con poca spesa.

Ed ecco il risultato finale!

Alla prossima!! :*

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *